MÓrcia ThÚophilo cantora del popolo brasiliano

La figlia dell'Amazzonia canta il dolore della Foresta in pericolo

 

 

 

di Valentina Acava Mmaka

 

Guardandomi qualcuno proverÓ
a misurare il mio corpo splendente
ma io, Munguba frondosa
sono ancora pi¨ vasta:
i miei grandi fiori bianchi,
gialli, o rosati 
non si misurano con lo sguardo.

Ombre e luci mi dilatano
mi diluisco nel grande fiume,
nel terreno paludoso
io fecondo embrioni di luce
e irripetibili colori.
Semente e frutto, corpi in trasmutazione
ferruginoso vermiglio;
nelle mie viscere concentro le energie
e attiro l'appetito, il desiderio vorace
di cutias, di pappagalli e di scimmie
nel caldo alito delle acque tropicali
sui miei rami, a migliaia
penne e piume, arcobaleni d'uccelli
cantano i loro sogni di seduzione.

 


      Le sillabe rimbalzano sul palato e hanno il sapore di una papaia matura, dolce, rinfrescante. MÓrcia ThÚophilo mi pende per mano con le sue parole, mi fa strada tra la fitta vegetazione della foresta Amazzonica, apre varchi tra i giganteschi alberi che guardano dalla loro altezza maestosa le nostre goffe movenze di umani. Kupah¨ba, ubim, tucum, mangue, mašaranduba, jabuticabeira, embirušu, carnauba, sono loro, gli alberi, gli abitanti della Foresta che parlano nelle poesie di MÓrcia. La incontro nel suo appartamento di Roma, ci sediamo nel suo "angolino" come lei stessa lo definisce affettuosamente. Qui sono raccolti i suoi ricordi, le sue opere, i suoi premi, i libri e poi i quadri del suo compagno, il pittore Aldo Turchiaro, da dove il Boto mi guarda splendente accennando un guizzo fantasioso dalle acque del Grande Fiume. Qui Ŕ raccolta una parte importante della sua vita di poeta - donna che ha dedicato l'intera sua opera alla Foresta Amazzonica, alle sue creature, ai suoi miti. Parliamo, ripercorre la sua infanzia vissuta ai margini della foresta ascoltando i racconti orali della nonna e del padre, "narratori della selva", recita i suoi versi con il tono della voce tenue e le mani che si muovono delicate come a voler descrivere la forma dei suoni. La prima cosa che mi mostra sono due cartine geografiche del Brasile: apparentemente sono uguali, ma ci˛ che le distingue fa impressione. Una rappresenta il Brasile del 1500, rigoglioso e suddiviso per regioni con le relative popolazioni indigene; l'altra mostra il Brasile nel 1977, dove i nomi delle trib¨ indie sono scomparsi per lasciare posto a nomi freddi, tecnici, ferrigni, ovvero quelli delle grandi multinazionali mondiali che sfruttano il suolo e il sottosuolo del paese. E cosý non si leggono: indios Fulnios, indios Xacurus, indios Galeras, indios Sarares, indios Caingang, ma Shell, Pirelli, Fiat, Ford, Standard Oil, Occidental Petroleum, Alluminium Canadian, Montedison e cosý via, fino a coprire interamente il territorio brasiliano. MÓrcia Ŕ figlia della Foresta, da sempre ha scritto della Foresta, e da sempre non si Ŕ limitata a guardare lo stupro che le hanno inferto, ma lo ha denunciato ponendolo all'attenzione di chi sa ascoltare.

 

 

Con un nodo alla gola
MÓrcia ThÚophilo grida,
MÓrcia ThÚophilo canta.
Cuore profondo all'erta,
dura voce di denuncia
in chiaro sorriso aperto.
Bruciata dalla siccitÓ,
vento di selve e di mari,
dolore dell'Amazzonia.
Gli indios sterminati
nelle terre invase
dei boschi saccheggiati.
Con quanti morti alle spalle
quante torture e sangue
delle foreste devastate.
Paradiso terreste,
dove nessuno moriva,
dove l'indio era immortale.



Cosý il poeta spagnolo Raphael Alberti proiettava l'impegno di MÓrcia come cantora del popolo brasiliano. Una profonda amicizia vissuta nel comune dolore dell'esilio, questo legava Raphael e MÓrcia alla quale ha dedicato poesie e disegni. "Faccio una poesia di denuncia all'interno del territorio della poesia, il paese dell'anima" - dice MÓrcia - "Parlo della potenza della natura che pu˛ essere distrutta. E quando dico potenza intendo la sua grandezza, la sua molteplicitÓ di espressione. Fino a poco tempo fa la civiltÓ occidentale poneva l'essere umano come padrone della natura, dandogli il diritto di manipolarla a suo piacimento. E' un sogno di onnipotenza impossibile. Va inteso che l'umanitÓ deve cambiare il modo di vivere il proprio rapporto con la natura, capire che non Ŕ distinta da essa, ma parte di essa, parte di un insieme dove ogni creatura vivente Ŕ importante per l'altra. La cultura occidentale vede l'albero o il fiore come un semplice elemento decorativo di un paesaggio e questo impedisce di comprendere la portata di certi eventi, come ci˛ che sta accadendo in Brasile." 

Sý, perchÚ lo scempio della foresta amazzonica in Brasile non Ŕ solo una questione brasiliana ma di tutto il mondo. "Purtroppo fino a quando si leggerÓ il mondo con la lente della ricchezza economica, nessuno riuscirÓ a comprendere l'entitÓ del danno che l'umanitÓ si sta infliggendo." Il Brasile Ŕ povero, l'occidente Ŕ ricco, economicamente s'intende. MÓrcia ci fa riflettere: la povertÓ economica del Brasile Ŕ solo un punto di vista, perchÚ il paese Ŕ ricco del bene pi¨ prezioso, l'aria, l'ossigeno che tutti noi respiriamo, mentre la ricchezza dell'occidente trascina con sÚ l'ignoranza di non saper riconoscere e scegliere di conquistare la vera ricchezza: il capitale o la vita? E MÓrcia Ŕ sicura delle sue parole, vuole scansare ogni equivoco, vuole scoraggiare l'ecologia buonista che si cela dietro propositi aleatori. Il messaggio di MÓrcia Ŕ concreto, la sua azione poetica di donna india che ricerca e documenta Ŕ concreta, reale, tangibile. Il lavoro poetico di MÓrcia parte dalla memoria, dalla memoria personale, familiare, poi dalla memoria primitiva delle popolazioni indigene custodi delle tradizioni, E' un'opera di documentazione minuziosa che ha come scopo quello di restituire l'originarietÓ delle creature della Foresta, a partire dai nomi. Il brasiliano e l'italiano si fondono nella sua poesia, cosý incontriamo i Pixote, i Buruti, gli Yanoa, i Mapinguarý, TangarÓ uccelli dai colori sgargianti che intonano melodie sconosciute, oppure ariranha, boicininga, boto, caititu, pindÓ, jib˛ia, irara, cururu, animali d'acqua e di terra evocatori di miti ancestrali; e poi ancora arašÓ, bakuri, cajÓ, caju, cupuašu, maracujÓ, pianga, jatobÓ, mangana, guabiroba, frutti dai sapori decisi che vestono i bambini dei loro nomi musicali. "Nella foresta Amazzonica, i bambini hanno nomi di fiori e frutti" - mi spiega MÓrcia. E cosi nel poema "I bambini giaguaro", la cantora ci presenta Uruc¨, PajurÓ, Jupicahy, Tauarý, Ararý, Mangal˘ travestiti da alberi e animali che entrano nella grande metropoli. "I bambini giaguaro" Ŕ un poema raffinato, una allegoria. 

"La dea Giaguaro incarna le forze della natura, trasmette ai bambini la sua stessa forza per proteggerli, come una madre protegge i propri figli, riuniti a migliaia attorno alla dea-madre, devono abbandonare la foresta e iniziare l'esodo verso le grandi cittÓ, poichÚ l'uomo civilizzato ha invaso il loro mondo." Ma dove saranno i bambini giaguaro quando la Foresta non esisterÓ pi¨? Dove sarÓ Taurý che "narra con la sua voce infantile,/le storie antiche della nascita del mondo:/il fuoco, il formarsi dei fiumi/degli animali il mistero/perchÚ i pesci hanno macchie colorate/come nacquero le lingue e il canto/degli uccelli. Ride Taurý/occhi neri di grana.

Dove sarÓ Kupah¨ba, l'albero dello spirito santo che cura tutti mali e la dea giaguaro, la mater protettrice di tutti i bambini? Porti, cittÓ, autostrade, linee ferroviarie, i bulldozers lavorano incessantemente ogni giorno: tra meno di vent'anni il 95% della Foresta Amazzonica sarÓ distrutta e con lei i suoi popoli, i suoi alberi, i suoi frutti, i suoi animali.

 "Il vento soffia, alberi e foglie/sono fornaci crepitanti/il fuoco Ŕ un mare indomabile/laghi e cascate esalano ardenti vapori/traversammo regioni di verde/stretti deserti, di nuovo verde/di nuovo deserto/sono gialle le acque/incendi, nuvole e fumo insieme/i bulldozers invadono, avanzano ů

E l'uomo "mondiale", l'uomo che vede il Brasile una semplice meta turistica senza tener conto che l'aria che respira proviene proprio dal suo cuore, che fine farÓ? PotrÓ sopravvivere? PotrÓ respirare? PotrÓ pensare ad un futuro? Cosa insegnerÓ ai suoi figli, quali memorie custodirÓ? RiuscirÓ a risalire alle sue origini primitive? 

"Nella foresta esistono pi¨ occhi che foglie/pi¨ cuori che pietre/Ŕ la notte dell'armonia/una notte soltanto/una notte dell'anno/e non si sa quale/i cuori di tutti gli animali/ si accendono luminosi/scompaiono i corpi/e tante luci vagano nel bosco/quante le stelle nel cielo/Ŕ la notte dell'armonia/non si divorano/nÚ si conoscono/si incontrano il giaguaro e il tapiro/il coccodrillo e il piraruc¨ /il tucano e l'anaconda/la farfalla e l'iguana/il falco reale e il macaco/Ŕ la notte dell'armonia/per una notte soltanto/nella foresta esistono pi¨ occhi che foglie/pi¨ cuori che pietre."

Nei suoi poemi "arborei", per usare una citazione di Mario Luzi, MÓrcia ThÚophilo fa vivere la Foresta come un luogo incantato, vero, sincero, dove le espressioni della natura, siano esse benevole o impetuose, sono se stesse e per questo rispettate e condivise. MÓrcia Ŕ la voce della Foresta che intinge la penna nella tavolozza dei colori, Ŕ la portavoce di un messaggio, di una denuncia rivolta a tutti indistintamente, chiede una riflessione, una constatazione, un'azione, fermare i motori dei bulldozer, fermare l'eccidio, salvare la storia del mondo, quella delle sue creature e della sua naturale, primitiva, ancestrale poesia. E allora mi sovviene il suo racconto di una trib¨ india della foresta amazzonica che nel suo linguaggio ha codificato ben sedici modi diversi di descrivere il verde. "Solo nel profondo di questa foresta - scrive MÓrcia nell'introduzione a I bambini giaguaro - si pu˛ coglierne cosý tante sfumature e significati. Distrutti gli uomini capaci di scorgere sedici modi di intendere il verde, distrutta ogni possibilitÓ di incontro con loro, resteremo per sempre esseri umani per cui il verde Ŕ solo il verde.

Una pausa. La voce ritmata dai suoni della foresta si attenua, gli occhi scuri dal taglio indio di MÓrcia mi guardano in profonditÓ: ci rendiamo entrambe conto che il tempo Ŕ trascorso, le parole si sono rincorse, le memorie sono riapparse sui rami della nostra mente, le energie si sono scambiate. Le lancette si sono mosse ma siamo ancora insieme, parliamo e cosý nascono nuovi incantamenti, nuove suggestioni, nuove ispirazioni poetiche, nasce una conversazione nuova, altri orizzonti, altri capitoli, tutti parte della stessa tela, ma tutti concatenati da un ordine superiore che guida le nostre vite ed Ŕ cosý che io e MÓrcia ricominciamo il nostro viaggio nel tempo e nello spazio.

La foto di MÓrcia ThÚophilo con Rafael Alberti Ŕ tratta dalla home-page della poetessa: http://www.theophilo-amazonia-e-poesia.net/ 

 

OOO



Nota bio-bibliografica

MÓrcia ThÚophilo nasce a Fortaleza, capitale dello stato di CearÓ, nel Nord-Est del Brasile. Studia Antropologia a Rio de Janeiro, San Paulo e Roma, dove consegue il dottorato. Ha due figlie che vivono in Brasile. Nel 1971 viene in Italia come esiliata politica, sfuggendo al regime militare che aveva imposto severe leggi sulla censura. Qui in Italia si impegna a mantenere relazioni culturali tra l'Italia e il Brasile, rappresentando l'Unione Brasiliana di Scrittor. Nel corso degli anni ha organizzato incontri di poesia, ha tradotto in portoghese poeti italiani e in italiano poeti brasiliani. Ha scritto saggi: Ritorni di un poeta assassinato, omaggio a Fderico Garcia Lorca (Ed. Nuovi sentieri, Roma 1976), Il massacro degli indios nel Brasile d'oggi (Euno, Enna 1977); piŔces teatrali: Arapuca (Ed. I Manoscritti del Ciclope, Roma 1979), "Dica a quelli che Ŕ da parte di Dulce" prefato da Dacia Maraini; testi didattici: Gli indios del Brasile (Nuove Edizioni Romane, Roma 1978); racconti Os convites (Ed. FacoltÓ di Sociologia e Politica, UniversitÓ di Sao Paulo, 1968). Ma la ricca opera poetica segna gran parte della sua carriera. Ricordiamo: Conš§es de Outono (Ed. Il Manoscritto, Roma 1977); Catuete Curupira (ed. La Ninea, 1983, Premio Minerva); Il fiume, l'uccello, le nuvole (Rossi&Spera, 1987); Io canto l'Amazzonia (Ed dell'Elefante, 1992, Premio CittÓ di Roma); I bambini Giaguaro (Ed. De Luca, 1995, Premio Fregene) prefato da Mario Luzi; Kupah¨ba (Ed Tallone, 2000) prefato da Mario Luzi. Fa parte di numerose antologie poetiche. La sua poetica Ŕ tutta incentrata sulla natura, sui miti e le leggende della foresta Amazzonica, sui popoli indigeni e sulla denuncia dello scempio che ai suoi danni si compie e all'impegno di salvaguardare il patrimonio naturale dalle aggressioni della civilizzazione. Nel 1997 le viene assegnato il Premio Nuove Scrittrici, premio alla carriera. Nel 1999 il Premio Calliope per poesia inedita ed Ŕ candidata al Premio Nobel. Oggi vive tra Roma e il Brasile.


Riconoscimenti e Premi

Ha partecipato come poeta ad innumerevoli manifestazioni come ad esempio: il "Poetry International" (Rotterdam, 1977) la "Convenzione Internazionale di Poesia" (Struga, Jugoslßvia, 1978), il "Congresso di Scrittori Europei" (Firenze, 1978), "Incontro Nazionale di Poesia", S. Paolo, 1979, o "Incontro con la poesia Brasiliana" (Roma, 1983), il "Festival Internazionale de Poeti di Piazza di Siena" (Roma, 1983 e 1984), il "Festival di Letteratura dell'Orto Botanico", (Roma, 1988) la manifestazione della Biblioteca Centrale di Roma "Voci di vita"(Roma, 1989), Recital di Poesia della Fiera del Libro di Francoforte (Francoforte, Germania, 1994), a manifestazione poetica della Biblioteca Municipale di S. Paolo "Scrittori nella Biblioteca" (S. Paulo, 1994), la "Manifestazione Poetica del Premio Feronia" (Roma, 1999) al "21 marzo 2000: Prima giornata mondiale della poesia.Festa della Poesia"(Roma,2000).